Tango Club Firenze Asd
Home connettiti alla nostra pagina su facebook
vai al sito di Patricia e Matteo
vai al sito di Patricia e Matteo 17° FIRENZE TANGO FESTIVAL
Associazione Sportiva
Dilettantistica
Tango Club Firenze

Sede legale
Viale Spartaco Lavagnini, 16
50129 Firenze

Cell +39 3929782200

e-mail:
staff@tangoclub.it

CALENDARIO

OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SETT

lu ma me gi ve sa do
01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31
 
Francisco Canaro, breve biografia

Note a cura di Roberto Romano e Maurizio Lunghi

poema

intervento presentato durante Las noches de los Maestros al Teatro dell'Affratellamento

FRANCISCO CANARO
Biografia (26-11-1888 -14-12-1964)

Nella Buenos Aires di fine ottocento la musica era essenzialmente musica suonata in strada con strumenti trasportabili tipo chitarra, flauto, tamburi, di chiara matrice nera, in particolare congolese, con un ritmi ripetitivi ed ossessivi.
La "Guardia Vieja" nel 1900-1930 ha guidato l'evoluzione musicale dai ritmici habanera, canyengue e milonga nera verso gli albori del tango con ritmo più lento e molta melodia e ricchezza strutturale.
Mitici nomi come Angel Villoldo e Roberto Firpo che condiva le sue melodie con sincopati, uno stile allora chiamato "tango-canyengue", proseguendo poi con Francisco Canaro che sembra sia stato l'inventore del nuovo ritmo "el cuatro", fino a Julio De Caro che completa il passaggio ad un nuovo panorama musicale dove al ritmo si unisce una profonda melodia e potenza sinfonica tipica della tradizione culturale degli emigrati Italiani ed europei in generale.
In questi anni si assiste ad altri cambiamenti, in particolare cambiano gli strumenti del tango nasce la "orchestra tipica" concepita dal bandoneonista Vicente Greco che suonerà con Canaro, composta da 2 violini, 2 bandoneon, 1 pianoforte, 1 contrabbasso. Altro nome mitico di questa stagione è ovviamente Carlos Gardel che con "Mi noche triste" nel 1917 inventando di fatto il "tango cancion" venendo dalla tradizione dei "pajadores" che improvvisavano nelle sfide con le loro chitarre. In assenza di impianti di amplificazione i cantanti non potevano esercitare in una sala da ballo, allora Canaro nel 1924 introduce gli "estribillista", che cantava solo il ritornello.
Il tango è una musica più strutturata con repertorio ritmico esteso pur mantenendo molti degli elementi originari della tradizione africana quali gli ‘arrastre', traducibile in ‘passi strascicati' un ritmo basso di chiara origine africana, suono da tamburi che si ripete, rimbomba e gorgoglia nella linea bassa e manda avanti la musica, ma anche inserendo nuovi schemi come la ‘sincopa' in cui si accentua la parte debole della battuta liberando la fantasia del compositore.
Francisco Canaro, detto "El Pirincho" per i capelli ispidi e ritti come le piume di un uccello tipico di quelle zone, ma anche "El Kaiser" per il carattere molto duro, rimane comunque molto attaccato alla tradizione musicale di origine africana: nella sua versione di "Milonga sentimental" di Sebastian Piana 1931, inserisce una habanera, e tuttoggi le sue prime musiche sono fortemente gradite dai ballerini di canyengue.
Canaro nel 1916 strappa dalla orchestra di Firpo Leopold Thompson, famoso contrabbassista nero tra i fondatori del canyengue, che batteva le corde al ritmo del piano e bandoneon quale fosse un tamburo africano del Congo.
Non a caso la produzione di Canaro di "tango-milonga" è molto ampia e brillante.
Canaro ha una produzione sterminata di oltre 3700 temi nella sua lunga carriera, di origini poverissime, molto attento al guadagno fu uno dei fondatori della SIAE Argentina per i diritti degli autori.
Brani memorabili eseguiti dall'orchestra di Canaro sono tanti e svariati, ci piace però soffermarsi su uno dei primi successi "Sentimiento gaucho" in effetti successo storico per il giovane Canaro e fratello che vinsero nel 1924 un concorso lanciato dalla casa discografica Odeón, i concorrenti consegnavano le opere che poi venivano suonate tutte da una unica orchestra, che nel 1924 era quella di Roberto Firpo. L'opera ebbe molto successo subito, scritto inizialmente come brano strumentale solo successivamente Juan Andrés Caruso ne scrisse le parole.
La più famosa canzone di Canaro "Poema" non è in realtà sua opera (Bianco-Melfi), fra i tanti suoi successi due dei più famosi sono "La ultima copa" (Caruso-Canaro) e "Madreselva" (Amadori-Canaro).
Nella sua enorme produzione grande rilievo hanno le milongue tra cui "Milonga sentimental" e "Milonga de mis amores".
Alcuni grandi cantores hanno collaborato con Canaro, come Roberto Maida e Ernesto Famà, ma anche donne come Nelly Omar (memorabile la sua interpretazione di "Sentimiento gaucho").

Sentimiento Gaucho
(Musica: Rafael e Francisco Canaro
Letra: Juan Andrés Caruso)
Tango 1924

En un viejo almacén del Paseo Colón
donde van los que tienen perdida la fe,
todo sucio, harapiento, una tarde encontré
a un borracho sentado en oscuro rincón.
Al mirarle sentí una profunda emoción
porque en su alma un dolor secreto adiviné
y, sentándome cerca, a su lado, le hablé,
y él, entonces, me hizo esta cruel confesión.
Ponga, amigo, atención.
Sabe que es condición de varón el sufrir...
La mujer que yo quería con todo mi corazón
se me ha ido con un hombre que la supo seducir
y, aunque al irse mi alegría tras de ella se llevó,
no quisiera verla nunca... Que en la vida sea feliz
con el hombre que la tiene pa' su bien... o qué sé yo.
Porque todo aquel amor que por ella yo sentí
lo cortó de un solo tajo con el filo'e su traición...
Pero inútil... No puedo, aunque quiera, olvidar
el recuerdo de la que fue mi único amor.
Para ella ha de ser como el trébol de olor
que perfuma al que la vida le va a arrancar.
Y, si acaso algún día quisiera volver
a mi lado otra vez, yo la he de perdonar.
Si por celos a un hombre se puede matar
se perdona cuando habla muy fuerte el querer
a cualquiera mujer.

In una vecchia bottega di Paseo Colón
dove vanno quelli che perdono la fede,
tutto sporco, stracciato, un pomeriggio ho trovato un ubriacone seduto in un angolo buio.
Al guardarlo ho sentito una profonda emozione perché nella sua anima un dolore segreto ho indovinato
e, sedendomi vicino, al suo fianco, gli ho parlato,
e lui, allora si è confessato.
Faccia, amico, attenzione.
Sappia che è condizione del maschio soffrire...
La donna che io volevo con tutto il mio cuore
se ne è andata con un uomo che ha saputo sedurla
e, sebbene al andarsene la mia allegria si è portata via, non vorrei vederla più... che nella vita sia felice
con l'uomo che ce l'ha per il suo bene... o che ne so.
Perché tutto quell'amore che per lei io sentì
lo ha tagliato di un solo taglio con il filo del suo tradimento...
Però è inutile... non posso, anche se voglio, dimenticare il ricordo di quella che è stata il mio unico amore.
Per lei sarà come un trifoglio che profuma a chi la vita gli strapperà. E se un giorno vorrà tornare al mio fianco ancora, io la perdonerò.
Se per gelosia si può uccidere un uomo
si perdona qualsiasi donna quando parla molto forte l'amare.

francisco canaro